Forum

Homepage del forum Fotografia - Generale UNA LETTURA DI AUGURI CONTROCORRENTE

UNA LETTURA DI AUGURI CONTROCORRENTE

Erato

Staff

#1 22/12/2019, 17:42
Punteggio commenti: +22

Permalink

"Nello scasso profondo dei nuclei familiari Natale arriva come un faro sui cocci e fa brillare i frantumi. Si aggiungono intorno alla tavola apparecchiata sedie vuote da tempo. Per una volta all’anno, come per i defunti, si va in visita al cerchio spezzato.
Natale è l’ultima festa che costringe ai conti. Non quelli degli acquisti a strascico, fino a espiare la tredicesima, fino a indebitarsi. Altri conti e con deficit maggiori si presentano puntuali e insolvibili. I solitari scontano l’esclusione dalle tavole e si danno alla fuga di un viaggio se possono permetterselo, o si danno al più rischioso orgoglio d’infischiarsene.
Ma la celebrazione non dà tregua: vetrine, addobbi, la persecuzione della pubblicità da novembre a febbraio preme a gomitate nelle costole degli sparpagliati. Natale è atto di accusa. Perfino Capodanno è meno perentorio, con la sua liturgia di accatastati intorno a un orologio con il bicchiere in mano. Natale incalza a fondo i disertori.
Ma è giorno di nascita di chi? Del suo contrario, spedito a dire e a lasciare detto, a chi per ascoltarlo si azzittiva. Dovrebbe essere festa del silenzio, di chi tende l’orecchio e scruta con speranza dentro il buio. Converge non sopra i palazzi e i centri commerciali, ma sopra una baracca, la cometa. Porta la buona notizia che rallegra i modesti e angoscia i re.
La notizia si è fatta largo dentro il corpo di una ragazza di Israele, incinta fuorilegge, partoriente dove non c’è tetto, salvata dal mistero di amore del marito che l’ha difesa, gravida non di lui. Niente di questa festa deve lusingare i benpensanti. Meglio dimenticare le circostanze e tenersi l’occasione commerciale. Non è di buon esempio la sacra famiglia: scandalo il figlio della vergine, presto saranno in fuga, latitanti per le forze dell’ordine di allora.
Lì dentro la baracca, che oggi sgombererebbero le ruspe, lontano dalla casa e dai parenti a Nazareth, si annuncia festa per chi non ha un uovo da sbattere in due. Per chi è finito solo, per il viandante, per la svestita sul viale d’inverno, per chi è stato messo alla porta e licenziato, per chi non ha di che pagarsi il tetto, per i malcapitati è proclamata festa. Natale con i tuoi: buon per te se ne hai. Ma non è vero che si celebra l’agio familiare. Natale è lo sbaraglio di un cucciolo di redentore privo pure di una coperta. Chi è in affanno, steso in una corsia, dietro un filo spinato, chi è sparigliato, sia stanotte lieto. È di lui, del suo ingombro che si celebra l’avvento.
È contro di lui che si alza il ponte levatoio del castello famiglia, che, crollato all’interno, mostra ancora da fuori le fortificazioni di Natale."
Erri De Luca
tratto da Globalist Syndication

Erato

Klizio

Vice Amministratore

#2 22/12/2019, 20:11
Punteggio commenti: +56

Permalink

Mi piace dis-edulcorare questi giorni, portare fuori il crudo che c' è dietro, fare emergere il senso di unione come bisogno perchè ... ne abbiamo bisogno, perchè le lucine nascondono ciò di cui tutti noi poveri umani necessitiamo: un semplice abbraccio, vero .. autentico .. senza fiocchi o carte regalo. Un abbraccio che significa fratellanza e solidarietà... quella che manca .. sempre.. perchè alla base ciò che ci manca è la voglia di ascoltare e capire il prossimo, il contrario di noi .. e anche ciò che ci fa paura .. basterebbe capire e ascoltare ...
Anche io propongo la mia citazione: una poesia che Pasolini nel 1961 dedicò ad un operaio e ad uno studente, pubblicata su L' Unità.
______________________
Sono gli ultimi giorni dell’anno. Il benessere
accende, verso sera, in tutti gli uomini
una specie di follia: la smania inespressa
di essere più felici di quanto siano …
E’ sempre una speranza che dà pietà: anche
il piccolo borghese più cieco ha ragione
di averla, di tremarne: c’è un istante
in cui anch’egli infine vive di passione.
E tutta la capitale di questo povero paese
è un solo ansito di macchine, una corsa
angosciata verso le antiche spese
di Natale, come a una necessità risorta.
Potente luce di Luglio, ritorna, oscura
questo debole crepuscolo di pace,
che non è pace, questo conforto ch’è paura:
ridà parole al dolore che tace.
Manda i cadaveri ancora insanguinati
dei ragazzi che hai illuminato potente:
che vengano qui, tra questi riconsolati
benpensanti, tra questa dimentica gente.
Vengano, con dietro il tuo chiarore di piazze
fatte campi di battaglia o cimiteri,
tra queste ciniche chiese dove la razza
dei servi torna alla sua viltà di ieri.
Vengano tra noi, a cui non è rimasta
che la speranza di una lotta che dispera:
non c’è più luce di Natale, o di Pasqua.
Tu, sei la luce, ormai, dell’Italia vera

....
Detto questo, Amici, voglio fare i miei più sentiti Auguri a tutti Voi, siete Tutti stati importanti per me, utenti vecchi, nuovi, utenti che hanno lasciato il sito o quelli che ogni tanto scelgono di tornare, utenti silenti e quelli più attivi, i miei compagni dello Staff .. tutti .. quelli che ci sono e quelli che ci sono stati.
È stata una meravigliosa avventura per me .. e insieme a tutti Voi la voglio portare avanti perchè questa nostra piccola Community è infondo un piccolo angolo dove giocare e sognare tutti insieme.
Un fortissimo ABBRACCIO
Nicola

Klizio

Ferrara.Carlo

Moderatore

#3 23/12/2019, 11:53
Punteggio commenti: +26

Permalink

........
Passeggere
Ma se aveste a rifare la vita che avete fatta né più né meno, con tutti i piaceri e i dispiaceri che avete passati?
Venditore
Cotesto non vorrei.
Passeggere
Oh che altra vita vorreste rifare? la vita ch’ho fatta io, o quella del principe, o di chi altro? O non credete che io, e che il principe, e che chiunque altro, risponderebbe come voi per l’appunto; e che avendo a rifare la stessa vita che avesse fatta, nessuno vorrebbe tornare indietro?
Venditore
Lo credo cotesto.
Passeggere
Né anche voi tornereste indietro con questo patto, non potendo in altro modo?
Venditore
Signor no davvero, non tornerei.
Passeggere
Oh che vita vorreste voi dunque?
Venditore
Vorrei una vita così, come Dio me la mandasse, senz’altri patti.
Passeggere
Una vita a caso, e non saperne altro avanti, come non si sa dell’anno nuovo?
Venditore
Appunto.
Passeggere
Così vorrei ancor io se avessi a rivivere, e così tutti. Ma questo è segno che il caso, fino a tutto quest’anno, ha trattato tutti male. E si vede chiaro che ciascuno è d’opinione che sia stato più o di più peso il male che gli e toccato, che il bene; se a patto di riavere la vita di prima, con tutto il suo bene e il suo male, nessuno vorrebbe rinascere. Quella vita ch’è una cosa bella, non è la vita che si conosce, ma quella che non si conosce; non la vita passata, ma la futura. Coll’anno nuovo, il caso incomincerà a trattar bene voi e me e tutti gli altri, e si principierà la vita felice. Non è vero?
Venditore
Speriamo.
Passeggere
Dunque mostratemi l’almanacco più bello che avete.
Venditore
Ecco, illustrissimo. Cotesto vale trenta soldi.
Passeggere
Ecco trenta soldi.
Venditore
Grazie, illustrissimo.
Giovanni Verga - Operette Morali: Il venditore di Almanacchi
Ed ecco la mia citazione. Da bravo ateo praticante e padre di due bimbi, ho già da anni abbandonato la festa religiosa per dedicarmi a quella pagana. Un momento dell'anno, un giorno stabilito di comune accordo da "forze superiori" in cui spendere soldi. Gli auguri, un rito. Positivo per me, come ogni situazione che spinge a fraternizzare anche se consapevolmente forzati dal momento.
Preferisco augurare un buon anno. "Buono" come consiglia il Passeggere, anche se alla fine dell'anno nuovo, si spererà in uno migliore.
Auguri utenti, auguri staff, auguri a tutti amici miei!

Ferrara.Carlo

oltre

#4 31/12/2019, 09:25
Punteggio commenti: +26

Permalink

Concordo totalmente con quanto riportato da Erato.
Nonostante si sia consapevoli che in questi giorni si perpetuano tradizioni consumistiche mascherate da “valori” religiosi,fiabeschi e sociali, mi chiedo come mai molti si costringono a festeggiarle anche se si è contrari. Evviva i valori di “facciata”, in cui ci si illude che ci sia amore e fraternità tramite grandi mangiate, regali e formali scambi di auguri. Mah!!!!!!!!

oltre

  Per rispondere esegui il login,  oppure se non sei iscritto iscriviti ora.


Forum di Fototue.it: 1990 discussioni, 26979 messaggi inviati


Torna alla homepage

La redazione informa

Per info puoi contattarci a: info@fototue.it oppure fotoklizio@gmail.com


FONTE DI VITA ONLUS

Utente del mese

MauroT
MauroT

In linea ci sono

Ospiti: 31
Utenti: 1

Archivio
concorsi