Foto

NATA  SOPRA  UN CAVOLO
 Punteggio:Dai prima il tuo voto! 
Login per votare.

NATA SOPRA UN CAVOLO

L'autore della foto è nascosto.
Vota per scoprire chi l'ha scattata!

Inviata in Fiori e piante

La leggenda vuole che si nasca sotto .........

Inviata il 26/08/2015, vista 235 volte.

Laboratorio fotografico:
L'autore autorizza la rielaborazione della foto.

Condividi:  

Commenti

10 commenti

Per inviare un commento esegui il login,  oppure se non sei iscritto iscriviti ora.

autore

#10 del 27/08/2015
Punteggio commenti: +220

Ringrazio tutti!

maustra

#9 del 27/08/2015
Punteggio commenti: +55

Mi era sfuggita, fantastico scatto;):)

maustra

IlProfessore

#8 del 27/08/2015
Punteggio commenti: +94

Un bel lavoro, brava come sempre. Chissà da dove deriva la frase 'farsi i cavoli propri', probabilmente un compromesso per evitare l'utilizzo di un termine differente, anche se un pò sdoganato...Ciao, buona giornata.

IlProfessore

ginocosta

#7 del 26/08/2015
Punteggio commenti: +161

Che bella elaborazione!

ginocosta

Asaiso

#6 del 26/08/2015
Punteggio commenti: +114

Anche stavolta l'immagine è una "scusa" per trasmettere un'idea, un'emozione. Oppure un'informazione come quella che ci dai, di cui, io ad esempio non sapevo nulla e mi ha interessato moltissimo.

Asaiso

(utente eliminato)

#5 del 26/08/2015

Non solo confermo ciò che dici, ma avendo io la compagna Lettone , li mangia anche crudi;););) *bye*

(utente eliminato)

#4 del 26/08/2015

Anche da noi, si chiamava "levatrice"....l'attuale ostetrica! Bel lavoro, Sele ;)*bye*

Nicola Fabiano '54

#3 del 26/08/2015
Punteggio commenti: +18

;););););)*bye*

Nicola Fabiano '54

inimis

#2 del 26/08/2015
Punteggio commenti: +271

Molto bella l'immagine grazie anche alla didascalia che ne aiuta la lettura. Ottimi i toni, mi sembra carente la definizione, non so per quale motivo non vedendo i dati di scatto, *bye**bye*

inimis

autore

#1 del 26/08/2015
Punteggio commenti: +220

Per secoli nelle regioni dell'Europa Centrale il cavolo è stato l'unico alimento che, durante i mesi invernali, garantiva una quantità sufficiente di vitamine e minerali. Simbolo di vita e di fecondità veniva seminato in marzo e raccolto dopo 9 mesi in novembre, come accade con la gestazione dei bambini. A quei tempi infatti i concepimenti avvenivano principalmente in primavera e le nascite nell'autunno successivo. La ragione era semplice: i matrimoni si celebravano nei mesi invernali quando non si doveva lavorare nei campi e la nascita di un figlio si decideva in primavera perchè solo allora il contadino sapeva se i raccolti dell'annata avrebbero garantito un reddito sufficiente a mantenere la famiglia. La piantagione e la raccolta dei cavoli erano compito esclusivo della donna, che spingeva ogni piantina nel terreno aiutandosi con un punteruolo di legno. Le ragazze affacendate in questo compito si divertivano a chiedere ai giovanotti "Sapete come nascono i bambini?" Le raccoglitrici erano chiamate levatrici (come le donne che aiutavano nel parto) perchè il loro compito era di tagliare il cordone ombelicale che legava il cavolo alla terra.


Guarda le migliori foto  |  Torna alla homepage

La redazione informa

BUTTERFLY ONLUS

Utente del mese

scintilla
scintilla

In linea ci sono

Ospiti: 13
Utenti: 1

Archivio
concorsi